San Cesario. Scuola Pacinotti: “storia” di un ampliamento annunciato

2 agosto 2010
di

Istituto Comprensivo "Pacinotti" di San Cesario

Il Comune di San Cesario è proprietario dell’immobile dove ha sede l’Istituto Comprensivo “Pacinotti”, realizzato nel 1980 e ubicato in piazza Aldo Moro, e con delibera di Consiglio n. 103 del 7/11/2000 venne approvata la convenzione tra il Comune di Castelfranco Emilia e il Comune di San Cesario per la gestione del complesso scolastico, comprendente scuola elementare, scuola media e aree cortilive di pertinenza, stabilendo che le spese di gestione, di manutenzione ordinaria e straordinaria e le spese di investimento fossero sostenute da entrambi i Comuni, in misura di 2/3 a carico del Comune di San Cesario e 1/3 a carico del Comune di Castelfranco.

Quale proprietario dell’immobile, il Comune di San Cesario si è pertanto incaricato della progettazione esecutiva e si occuperà dell’espletamento delle procedure di gara e del successivo appalto sino al collaudo finale dei lavori di ristrutturazione e ampliamento previsti. Il Comune di Castelfranco Emilia parteciperà in misura di un terzo su tutte le spese rendicontate.

A fronte di un incremento demografico importante previsto nel prossimo triennio, che dovrebbe portare la popolazione scolastica della scuola secondaria di 1° grado ad un totale di 236 unità, con un aumento percentuale del 13%, è stato previsto di comune accordo un ampliamento nella zona nord-ovest del fabbricato scolastico, che sarà sviluppato su tre livelli differenti (seminterrato, piano terra e primo piano) allo scopo di realizzare 15 aule, di cui 9 per sezione e 6 speciali, 3 laboratori, nuovi servizi igienici, guardiola per inservienti, vani deposito, un ascensore per il collegamento dei diversi livelli e l’abbattimento delle barriere architettoniche.

Lo studio di fattibilità, approvato con delibera di Giunta del Comune di San Cesario n. 53 del 28/6/2007, comporta una spesa presunta complessiva di 1.636.717,40. In data 9/7/2007 il Comune di San Cesario ha inoltrato alla Provincia di Modena – Servizio Istruzione e Orientamento – richiesta di finanziamento parziale dell’opera, chiedendo un contributo massimo nella misura del 50%.

Istituto Comprensivo "Pacinotti" di San Cesario

Nel piano triennale di edilizia scolastica della Regione Emilia Romagna il progetto presentato dal Comune di San Cesario risultava in graduatoria al 10° posto sull’annualità 2008 e al 5° posto sull’annualità 2009. Il progetto è quindi inserito utilmente in graduatoria, ma non è ancora stato oggetto di finanziamento da parte della Regione stessa.

Al fine di non perdere il posto in graduatoria, e in attesa che le annualità 2008 e 2009 siano finanziate, il Comune di San Cesario ha attivato ugualmente le procedure necessarie, utili ad ottenere anche il nulla osta dei Vigili del Fuoco, dell’AUSL e di ARPA, conferendo con delibera di Giunta n. 132 del 5/3/2008 gli incarichi di progettazione allo Studio Tecnico Cassanelli Ing. Alessandro – Via Doccia 97 – Savignano sul Panaro (progettazione preliminare e definitiva delle opere architettoniche), Studio Tecnico Malferrari P.I. Davide – Galleria San Giacomo 18 – Castelfranco Emilia (progettazione preliminare e definitiva degli impianti elettrici), Studio Tecnico Gibertini e Macchioni – Via Capilupi 11 – Modena (progettazione impianti tecnologici e idro-termo sanitari), Studio Tecnico Guastella Geom. Paolo – Via Zanasi 17 – Castelnuovo R. (coordinamento per la progettazione esecutiva e piano di sicurezza).

Per poter accedere ad eventuali altri contributi regionali, il Comune di San Cesario ha ritenuto opportuno suddividere il progetto di ampliamento in diversi stralci funzionali, allo scopo di diminuire l’entità economica degli interventi richiesti ed accedere più facilmente a contributi pubblici, agevolando altresì la compartecipazione economica da parte del Comune di Castelfranco, che da circa un decennio utilizza la scuola per gli alunni provenienti da Piumazzo.

Istituto Comprensivo "Pacinotti" di San Cesario

Il 16/9/2009 il Comune di San Cesario ha inoltrato alla Provincia di Modena – Servizio Istruzione e Orientamento – una nuova richiesta di finanziamento parziale dell’opera di 1° stralcio (abbattimento barriere architettoniche) e chiesto un contributo nella misura del 30% su € 279.100, vale a dire € 83.730, approvato successivamente dalla Regione con delibera 8/2/2010 per € 72.984,36.

L’accoglimento della domanda consente soprattutto di attivare le procedure per ottenere il finanziamento sul progetto definitivo.

Quindi, per quanto attiene il 1° stralcio dei lavori di ristrutturazione e ampliamento della scuola, cioè l’abbattimento delle barriere architettoniche, con delibera di Giunta n. 60 del 22/7/2010 il Comune di San Cesario ha approvato il progetto definitivo-esecutivo redatto dai professionisti citati, ciascuno per la parte di propria competenza, e relativo all’esecuzione dell’abbattimento delle barriere architettoniche per l’importo complessivo di € 279.100, che sarà così finanziato:

  • €. 72.984,36 con contributo concesso dalla Regione Emilia Romagna
  • €. 68.705,21 con contributo in quota parte del Comune di Castelfranco Emilia
  • €. 137.410,43 a carico del Comune di San Cesario, con fondi propri di bilancio.

(Alessandra Consolazione)

Tags: , ,





Visite: 476 - 3 commenti

Articoli correlati:

Commenti

comments

Powered by Facebook Comments

0 votes, average: 0,00 out of 100 votes, average: 0,00 out of 100 votes, average: 0,00 out of 100 votes, average: 0,00 out of 100 votes, average: 0,00 out of 100 votes, average: 0,00 out of 100 votes, average: 0,00 out of 100 votes, average: 0,00 out of 100 votes, average: 0,00 out of 100 votes, average: 0,00 out of 10 (0 voti, media: 0,00 su 10)
Devi essere un utente registrato per votare questo articolo.
Loading ... Loading ...

3 risposte a San Cesario. Scuola Pacinotti: “storia” di un ampliamento annunciato

  1. pilus
    2 agosto 2010 at 13:40

    Non ho capito una cosa: l’ampliamento delle Scuole Pacinotti, che era stato previsto sul programma elettorale per fine anno 2009, è saltato per colpa della Gelmini o per colpa della Regione Emilia Romagna non l’ha ancora finanziato? Essendo il progetto presentato al 10° posto in graduatoria (colpa della Gelmini???!!!), per risalire in graduatoria occorre una raccomandazione di Errani o di Berlusconi? E’ forse per questo motivo che il Comune di Castelfranco ha inserito l’intervento con ritardo tra le opere da finanziare? Col federalismo fiscale, salirà o scenderà in graduatoria? Santa Gelmina, facci la grazia!!!!

  2. Nadia e Fabio
    2 agosto 2010 at 22:37

    Non capiamo. Se gli alunni previsti per la Scuola Media saranno 236 nel prossimo triennio non occorrerà nessun ampliamento per tale tipo di Scuola. Infatti 236 alunni diviso per le odierne 12 classi (4 sezioni per 3 classi ciascuna) fa 20 alunni per classe. Tale numero non comporta nessun tipo di necessità immediata di ampliamento per la Scuola Secondaria di 1° grado. Se proprio si vuol far fronte ai 20 anni che abbiamo davanti, pensando che si riproponga sempre l’improbabile tasso di crescita del 13 % a triennio, basta un ampliamento di due sezioni (6 aule, 1 laboratorio ed una serie di bagni) che è tutta altra cosa rispetto alle 15 aule ed i 3 laboratori previsti.

    Non capiamo. Dal giornalino comunale di San Cesario n. 5 di dicembre 2008 è dichiarato che l’ampliamento (1.636.000 di euro) sarà pagato per un terzo da San Cesario, per un terzo da Castelfranco e per un terzo da Provincia e Regione. Non ci pare proprio che San Cesario ci metta il “doppio” rispetto a Castelfranco così come previsto dalla convenzione riportata nell’articolo di testa.

    Non capiamo. Perché l’ultima convenzione non prevede che il Comune di Castelfranco diventi proporzionalmente proprietario di quello che paga pur mantenendo gli oneri di manutenzione straordinaria ed addirittura ordinaria. Provate voi a chiedere a qualcuno di fare una società per comprare una casa dove ognuno dei due ci mette i soldi (anche per sostenerne le spese di gestione) ma dove solo voi sarete i proprietari della casa. Cosa dite che vi risponderà?

  3. pilus
    3 agosto 2010 at 14:06

    “Ciccia” risponderà! E davvero sembra esserci un po’ di confusione da parte dell’Amministrazione comunale che dice per non dire, poi rettifica in corso d’opera, poi scrive una cosa sul giornalino e precisa quanto ha detto in precedenza a mezzo delibere di Giunta. Ma è sorprendente il fatto che la scuola che tutti davano per scontata, scontata non lo è per il progetto in graduatoria non è tra i primi che la Regione Emilia Romagna potrebbe finanziare. Senz’altro il primo annuncio è stato una mossa politica a scopo elettorale, dato che le elezioni erano lì a due o tre mesi. Poi pian piano la verità viene a galla, soprattutto quando bisogna presentare i bilanci. Il comune di Castelfranco forse diventerà proprietario delle scuole quando nascerà l’unione fra comuni e alla stessa verrà ceduta la proprietà degli immobili, visto che vanno mantenuti e potenziati nel tempo. Si vedrà.

Rispondi

Canale Youtube

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE!

INFO SUL BLOG

Il n° di visite è calcolato dal 19/12/2010 ad oggi.

La Redazione non è tenuta a dare spiegazioni sui commenti non approvati.

I commenti approvati non saranno più rimossi.

In linea

  • 0 Utenti.
  • 12 Ospiti.

Statistiche Blog

  • Totale utenti registrati: 4040
  • Totale articoli: 2932
  • Totale commenti: 7004

Invita un amico!

Nome*:

E-Mail*:

Destinatario: