La carbonara blog

Crescendo in bici 2010: tassativamente solo su due ruote

manifestazione “Crescendo in Bici”. L’idea si concretizza dal 2006 grazie all’impegno della società ciclistica “Pedale Piumazzese”, dei giovani della parrocchia e di numerosi sponsor.

La manifestazione si sviluppa su tre iniziative: motoraduno (al mattino) presso la torre in Piazza Matteotti; corsa ciclistica agonistica per bambini e ragazzi dai 7 ai 12 anni (al pomeriggio) divisa su sei categorie per età; gimkana non agonistica (immediatamente a seguire) presso il campo di calcio parrocchiale aperta a tutti i ragazzi. Gli ambiti delle tre iniziative saranno pressoché adiacenti e potranno, quindi, essere seguite tutte e tre percorrendo pochi metri.
locandina
Il motoraduno, organizzato da appassionati locali delle due ruote, richiama da tre anni, diversi centauri con moto e sidecar attuali e d’epoca dei più svariati marchi. Il ritrovo è dalle ore 8 alle ore 11, l’esposizione dei mezzi proseguirà fino alle 12 e 30. Sarà presente un piccolo stand con vino, bibite e stuzzicherie. A mezzogiorno, chi lo vorrà, potrà seguire a pranzo gli organizzatori presso un ristorante della zona, sarà un’opportunità di incontro e divertimento per appassionati e non, in un contesto di persone decisamente “festaiole”. Per chi, da ragazzo, ha partecipato alle gimcane su due ruote sulle piazze di Castelfranco e Spilamberto organizzate dall’allora molto attivo moto club di Castelfranco affiliato alla Federazione Motociclistica Italiana, ci sarà la possibilità di rincontrare le vecchie glorie del motorismo locale.
motoraduno – Foto di Willer Comellini – Arcadia Piumazzo
Al pomeriggio, alle ore 15, prenderà il via la gara ciclistica per ragazzi inserita nel contesto del calendario provinciale, per categorie dalla G1 alla G6. Il percorso è quello classico e pittoresco: la centrale Via dei Mille per percorrere il circondario Sud (Via Filzi, Via Battisti, Via Oberdan), cioè lo storico “giro delle fosse”, benché parziale in quanto il tratto nord del fossato medievale venne colmato ed edificato negli anni ’50 e ’60. Dal punto di vista logistico la gara è coordinata, per la federazione, dalla Società Ciclistica di Calcara.

Immediatamente a seguire, dopo la premiazione delle corse agonistiche, nelle pertinenze parrocchiali (si accede da Via IV Novembre), ci sarà la gimkana non competitiva per ragazzi aperta a tutti. Necessaria bicicletta e caschetto. I volontari allestiranno uno stand per cottura e distribuzione crescentine. Questa parte della manifestazione, assolutamente non agonistica, ha sempre portato ampia partecipazione, interesse e divertimento.

Alleghiamo il programma ufficiale della giornata e le fotografie eseguite nel corso delle precedenti edizioni.

La società.
escursione del 5/10/2008 – Foto di Willer Comellini – Arcadia Piumazzo
Nel 2001, a Piumazzo, si costituì la società ciclistica amatoriale Pedale Piumazzese aderente all’ UDACE (Unione degli Amatori Ciclismo Europeo). Particolare ringraziamento va al Sig. Luciano Boldrini che già agli albori fu primo sostenitore e sponsor ufficiale dell’iniziativa attraverso i marchi Campi Gel e Algida.

La cosa iniziò quasi per scherzo e scommessa, senza che esistessero particolari dissapori con la società ciclistica storica di Piumazzo (La Torre, affiliata all’ARCI) Fu solamente per una specie di contrapposizione giocosa che le cose si spinsero talmente avanti e, senza che lo si volesse davvero, le pratiche burocratiche della nuova società andarono a compimento rendendo difficile tirarsi indietro e molti degli aderenti alla vecchia società confluirono nella nuova. Fortunatamente gli adepti al ciclismo sono talmente tanti che entrambe le società vantano un buon numero di iscritti e coesistono senza attriti e collaborano tra di loro in azioni di volontariato sul territorio pur nella loro specificità; non è raro vedere atleti delle due società percorrere assieme le nostre strade in tour e uscite comuni verso mete dell’Appennino bolognese e modenese.
escursione del 6/6/2010 – Foto di Willer Comellini – Arcadia Piumazzo
La presenza di due società, in una piccola frazione, ha dato luogo a supposizioni e fraintendimenti particolarmente di ordine politico intendendosi la società affiliata all’ARCI di sinistra e l’altra più di centro o di destra essendo spesso accostata agli ambienti parrocchiali con un’ossatura nazionale sviluppatasi dalla preesistente ENAL di matrice cattolica. Ciò avviene in tutti gli ambiti, sono note le supposizioni di opposta appartenenza tra e CNA e LAPAM, o quelle che nelle nostre campagne attribuivano un’appartenenza politica agli agricoltori in base alla marca di trattore acquistato, di destra chi usava Fiat, di sinistra chi usava Same, il tutto in uno stile un po’ guarreschiano. In fondo si tratta di un aspetto divertente, ma in realtà gli appartenenti sono distribuiti in modo casuale all’interno delle due società a riprova che sono altre le logiche che li hanno indotti a preferire l’una all’altra.

Sono trentadue gli iscritti alla società e per l’anno in corso:

Arnò Claudio, Bina Giuseppe, Bortolotti Gabriele, Bortolotti Giuseppe, Calanchi Marco, Comellini Willer, Cristoni Gianpaolo, Fossacreta Luigi, Girotti Zirotti Giovanni, Grandi Ernesto, Legnani Wanda, Lodi Giuseppe, Lorenzi Giuseppe (presidente), Maccaferri Amedeo, Minelli Graziano, Monduzzi Donazzi Gianni (segretario), Negrini Federico, Negrini Mario, Rizzi Beatrice, Rizzi Graziano, Serra Marco, Stanzani Alberto, Stanzani Dimer, Stanzani Elena, Stanzani Luca, Tampieri Stefano (vice presidente), Tomei Paolo, Tomesani Glenda, Tosi Massimo, Vecchi Renzo, Zironi Rosolino, Zucchini Ileana.